chi siamo

Gli Archivi di Stato sono organi periferici del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT).

Hanno sede in ogni capoluogo di provincia con il compito di:

  • conservare a seguito di versamento (consegna obbligatoria all’archivio di Stato)
    • gli archivi prodotti dagli organi e dagli uffici degli Stati preunitari;
    • la documentazione relativa agli affari esauriti da oltre quarant’anni prodotta dagli organi giudiziari e amministrativi statali;
    • gli archivi dei notai che cessarono l’esercizio professionale anteriormente all’ultimo centennio;
    • gli archivi degli uffici statali soppressi e degli enti pubblici estinti
  • conservare gli archivi ricevuti da enti pubblici a seguito di comodato o deposito, o da privati a seguito di comodato, deposito, donazione o acquisto.
  • rendere consultabili gli archivi.

L'Archivio di Stato di Latina

La legge 2066/1939 completò l'organizzazione archivistica nazionale prevedendo una Sezione di archivio di Stato in ogni provincia, ma il sopravvenire della guerra e le urgenze della ricostruzione ritardarono nella gran parte dei casi l'applicazione della norma. A Latina la Sezione fu costituita nel 1956 (d.m. 12 giugno), ma iniziò la sua attività nel 1958.

Attualmente l’Archivio di Stato di Latina, così denominato a seguito della legge archivistica 1409/1963, custodisce un patrimonio documentario di 77 fondi archivistici (quasi 7.500 ml.)